Massaggio psicosomatico

FacebookTwitterGoogle+Condividi

mp1E’ una metodologia di intervento manuale che tiene conto dell’unità psicofisica della persona e si basa sulla relazione mediata dal corpo attraverso l’atto del toccare, con la mano, l’altra persona. Il massaggio psicosomatico si connota come gesto relazionale, pertanto non codificabile da un protocollo che ne regola la prassi operativa.

Partendo dai significati simbolici e relazionali della “tattilità” che ricordiamo essere la capacità di esercitare il senso del tatto, è in grado di generare contemporaneamente effetti di ordine biologico, emotivo, energetico, relazionale e immaginativo e di coinvolgere la globalità sia dell’operatore che dell’utente.

In questo approccio la mancanza di benessere è l’espressione della difficoltà di un processo nel corso della sua evoluzione e l’elemento fondamentale è il senso, e non la quantità, della deviazione dalla norma dei parametri di riferimento. L’intervento, quindi, consiste nel ripristino delle condizioni che permettono di ritrovare un equilibrio qualitativamente migliore, favorendo i processi naturali necessari all’unità psicofisica.

Il protagonista principale è il corpo con le proprie risorse naturali e capacità di auto-equilibrio (omeostasi).

L’intervento è di tipo totale perché vede il corpo come un’unità in cui ogni distretto trattato è parte dell’insieme.

Il trattamento, dato le sue peculiarità, può essere eseguito anche con il cliente vestito, purché si abbia un abbigliamento comodo.